La maggior parte dei gioielli che realizzo sono dei pezzi unici per via dei materiali preziosi utilizzati. Iscriviti alla mia newsletter per seguire queste ricerche e scoperte, ma anche per essere aggiornato sulla pubblicazione dei nuovi gioielli. Se vorrai leggermi ti ringrazio già ora. Mara

No Grazie
qui i pezzi unici ordinabili in tempo per natale

Glossario

  • diamante "conflict-free"

    Si riferisce al Kimberly Process (KPCS) dove si indicano così i "diamanti grezzi utilizzati da movimenti ribelli o loro alleati per finanziare conflitti armati contro governi legittimi". * Il KPCS è un sistema di certificazione controllato e guidato da governi. Nasce nel 2003 per far fronte ai cosiddetti "blood diamonds" provenienti da zone di conflitto. I punti di debolezza del KPCS e della dicitura "conflict-free" sono molteplici e gravi. 1) Questa definizione di "conlict diamond" è inadeguata in quanto si riferisce solo agli abusi perpetrati dai ribelli, ignorando quelli a opera dei governi locali o dei privati. Ad esempio il KPCS ha autorizzato l'esportazione dei diamanti provenienti dall'Angola e dallo Zimbabue, malgrado siano stati estratti in condizioni di grave abuso. 2) Il KPCS è applicato solo ai diamanti grezzi, permettendo così alle gemme semi lavorate o addirittura già lucidate di muoversi liberamente. 3) Il sistema si è rivelato più che reticente nell'imporre sanzioni a quei paesi che non hanno rispettato i requisiti minimi, come nel caso della Repubblica Centrafricana.
  • fair trade (scritto anche Fair Trade)

    Questa espressione non ha nulla a che fare con "Fairtrade" e "Fair Trade USA", in quanto si tratta della semplice traduzione della espressione italiana "equo e solidale". Può essere utilizzata da chiunque e non prevede il controllo da una terza parte e non si riferisce a nessuno standard.
  • Fair Trade Certified

    Etichetta utilizzata dalla organizzazione non-profit "Fair trade USA" attiva in USA. Al momento non c'è alcun prodotto di tipo orafo che fa riferimento a "Fair Trade USA".
  • Fairtrade (scritto anche FAIRTRADE)

    Etichetta applicata a prodotti che sono certificati da una terza parte in base agli standard creati da FLOcert (Fairtrade Labelling Organizations International), l'organo di certificazione di Fairtrade International. Questi standard vogliono migliorare, attraverso il commercio, le condizioni di lavoro e la sostenibilità ambientale per i produttori dei Paesi in via di sviluppo. Attualmente gli unici prodotti orafi riferiti a Fairtrade sono l'oro e argento.
  • riciclato

    Termine applicato a metalli o gemme acquistati o utilizzati dal consumatore finale (post-consumer), o che sono dei sottoprodotti di produzione (pre-consumer), o che sono prodotti finiti mai entrati in commercio (pre-consumer) e riutilizzati per realizzare nuovi prodotti. Non si dovrebbero indicare come riciclati i prodotti che contengono del metallo nuovo o proveniente dagli scarti della stessa linea di produzione.
  • riciclato pre-consumer

    Materiale recuperato da scarti di produzione o da gioielli finiti ma mai acquistati. *Diamanti o gemme colorate pre-consumer sono pietre provenienti da gioielli mai venduti, ad esempio da campionari. **I metalli preziosi pre-consumer sono, ad esempio, scarti del processo di fusione a cera persa e limatura.
  • riciclato post-consumer

    Materiale prezioso recuperato da oggetti e gioielli usati per produrre qualcosa di nuovo. *Diamanti e gemme colorate provenienti da gioielli usati o, specialmente nel caso dei diamanti, da processi industriali. **Metallo prezioso proveniente da gioielli usati, monete circolate, circuiti e odontoiatria.
  • sostenibilità

    Pratiche che promuovono la salvaguardia ambientale e il rispetto degli esseri umani in tutte le fasi di produzione di un gioiello (ricerca dei materiali, produzione, vendita e distribuzione). * I processi di ricerca, produzione, vendita e distribuzione dei gioielli, o delle loro parti, può essere sostenibili. Al contrario l'estrazione di materiale grezzo come l'oro e i diamanti (caso LSM) sono ambientalmente insostenibili.
  • ASM (artisanal and small-scale mining) o miniere estrattive piccole o su scala artigianale

    Questa definizione varia da Paese a Paese, in base alle caratteristiche dello stesso e alle necessità riscontrate nei processi di ricerca ed estrazione. Generalmente una ASM si caratterizza per 1) tecniche rudimentali ed arretrate o assenti tecnologie, spesso utilizzate in situazione di grande rischio, lavoro fisico intenso, disorganizzazione e condizioni di illegalità e sfruttamento 2) bassa produttività perché queste miniere occupano superfici molto esigue di vene marginali e piccole, perché cercano oro alluvionale e perché usano tecniche rudimentali 3) mancanza di misure di sicurezza e cura dell'ambiente e della salute 4) può essere praticata periodicamente o temporaneamente 5) assenza di piani di estrazione e gestione a lungo termine. *Fairtrade lavora con miniere ASM del Sud America e dell'Africa. *Le gemme colorate provengono tutte da miniere ASM, ecco perché sono un materiale estremamente problematico.
  • LSM (large-scale mining) o miniere estrattive su larga scala

    Si tratta di processi di estrazione gestiti da grandi compagnie esterne di passaggio nel Paese dove avrà luogo la miniera. // In foto la miniera d'oro di Karlgoorlie, Australia.