Scrivo lettere, non ho mai imparato a fare newsletter.

Mi capiterà di avvisarti su novità e vendite speciali, certo, ma preferirò raccontarti di viaggi e materiali preziosi, letture illuminanti e nuovi gioielli. Ti prego di entrare e aspettare di ricevere la prima email, non mi offenderò se poi vorrai andar via.

No Grazie

L'ottone

Belbelli sono realizzati in ottone non galvanizzato, vale a dire che il gioiello è interamente composto in ottone e non sono stati applicati strati superficiali di altra natura, i quali, non solo potrebbero contenere nichel, ma imporrebbero di tenere l'oggetto lontano dall'acqua  e altro ancora (leggi Perché non amo i gioielli galvanizzati).
L'ottone  è una lega color oro nichel free costituita essenzialmente da rame e zinco, e no, non si rovina. Con il tempo potrà ossidarsi - come tutti i metalli, del resto - e forse diventare un po' più scuro, cioè ossidarsi.

 

Ma cosa è l'ossidazione? È un processo naturale che coinvolge i metalli che entrano in contatto con l'ossigeno e sostanze ossidanti (sudore particolarmente forte, cloro, alcuni prodotti cosmetici)Soprattutto, però, è un processo reversibile perché basterà lavare e lucidare il metallo affinché torni come prima.

Naturalmente, velocità e intensità di questo processo dipenderanno dall'ambiente in cui l'ottone si troverà. La pelle di ognuno di noi, ad esempio, ha secrezioni differenti, per cui a qualcuno un gioiello in ottone ossiderà poco o nulla, ad altri più velocemente.  In qualsiasi caso però, per far risplendere l'ottone, si potrà ricorrere alla crema di pulizia fornita (una comunissima crema per la pulizia dei metalli) e ai metodi su descritti nelle FAQs.

Spesso si pensa che meno si indossa e si bagna un gioiello, più questo "durerà" nel tempo. Ecco, nel caso dell'ottone: scordatelo!

Indossare un gioiello in ottone mentre si fa un bagno, ad esempio, è un'ottima abitudine: l'oggetto verrà "lavato" assieme a te, rimuovendo quelle sostanze esterne che, con il tempo, avrebbero creato una patina di ossidazione. 

 

Ebbene, l'ottone non si rovina come la comune bigiotteria, che diventa rossiccia e poi nera. Qualcosa che è fatto di questo materiale può diventare un pezzo di cuore, un talismano da cui non separarsi mai. 

 

Da quando i "Belbelli" girano il mondo non ho mai riscontrato casi di allergie all'ottone, ma si può verificare un rilascio di colore verde scuro sulla pelle in presenza di sudore particolarmente strong. Si tratta di una patina di ossidazione, tutto fuorché tossica e lavabile con acqua e sapone.