Non fermarti mai

In tanti anni una cosa di questa non l'avevo mai fatta, lo so.

Non c'entra solo il fatto che avevo bisogno di qualche giorno di vacanza, che pure bisogna concedersi. 
C'entra che, durante le notti di lavoro natalizio, quando ormai le mani sapevano come fare un anello con nodo e la mente poteva seguire anche qualche altro pensiero, ecco, in quei momenti mi rendevo conto che qualcosa si era rotto. 
Quello che mi si andava rischiarando, era la consapevolezza che c'era qualcosa di scoordinato, strappato: da un lato io, continuamente protesa a qualcosa che sta avanti, e dall'altro @maraismara come era e come si presentava a tutti. Questo strappo è quello che succede quando si vuol fare sempre meglio ad ogni costo, ma il campo d'azione non solo non venne studiato a tavolino da principio, ma è pubblico. È allora che le mani che non ce la fanno sono un grande errore.

Quello che sto tentando di fare, e che vi mostrerò alla riapertura, è prendermi per mano e spingermi dove dovrei stare. 

Occorre avere il coraggio di riconoscere il cambiamento ed accettarlo, perché questo è l'unico modo per essere coerenti con se stessi, non già restare ancorati a quello che si è detto o fatto. 
Sono certa che capirete...❤️

© Riproduzione riservata


1 commento

  • Buona sera, ho visto un tuo servizio in televisione, mi sei subito piaciuta soprattutto per il modo insolito di affrontare il lavoro, non sono solitamente attratta dai gioielli, un po’ perché non me li posso permettere un po’ perché sono sempre i “soliti”. Ho visto quel braccialettino con il nodino e quello, invece, mi piacerebbe, aspetto di sapere quanto costa, in ogni modo veramente tanti complimenti. Grazie Claudia Majoli di Ravenna

    CLaudia

Lascia un commento

This blog is moderated.